M.E.M.

Progetto per l'ampliamento ed allestimento
museografico del Museo Archeologico di Marzabotto

Modalità: Workshop
Tipologia: Museo Archeologico
Luogo: Marzabotto (Forlì-Cesena)
Anno: Gennaio 2006

Torna all'Elenco

M.E.M. - Museo Archeologico

Il museo etrusco di Marzabotto presenta una prerogativa che lo rende particolarmente interessante: essere adiacente al sito archeologico da cui provengono i reperti esposti. Data la particolarità della situazione, si ritiene che la ricerca dei rapporti e delle relazioni tra il museo e la città etrusca possano essere considerate come valore aggiunto per il recupero del museo. Si sono individuati due ordini di relazioni possibili: una di tipo visivo, immediata ma comunque forte e una di tipo geometrico-urbano. Si è notato infatti che le nuove aggiunte al primo insediamento degli anni Venti si trovano disassate rispetto al tracciato, ancora oggi ben visibile, della città etrusca. Proprio la necessità di ristabilire un ordine geometrico-urbano al complesso e la volontà di 'portare' il luogo all'interno del museo ci hanno suggerito la soluzione decisiva del progetto. L'inserimento di 'blocchi' in acciaio corten all'interno della struttura portante del fabbricato costruito negli anni Sessanta costituisce l'operazione più radicale del progetto di recupero. I blocchi rispondono pienamente alle necessità sopracitate, essi sono infatti orientati parallelamente alle strade etrusche e denunciano, creando una lieve tensione, il disassamento dei fabbricati esistenti rispetto all'antico tracciato. Inoltre, determinando delle aperture in punti privilegiati, si aprono degli scorci sul paesaggio e sugli elementi generatori della città come l'acropoli, i sepolcreti o la fornace: è come se il sito archeologico entrasse in vetrina e diventasse parte integrante e fondamentale della visita museale, come se fosse il pezzo più pregiato da esporre.